Rhamnus frangula L. - MidlandBio

Cookie Policy
Privacy Policy
Vai ai contenuti

Rhamnus frangula L.

Piante officinali > R -Z
Rhamnus frangula L.
Sinonimi:                              
Frangula alnus Mill., Frangula dodonei Ard.
Nome comune:                    
Frangola comune, Alno nero, Putine.
Famiglia:                              
Rhamnaceae
Habitat:                                
Pianta indifferente alla matrice ed alla natura del terreno, seppure piuttosto diffusa, non è molto comune e si adatta sia a suoli idromorfi sia a suoli abbastanza aridi e talvolta pietrosi, sempre però carenti di azoto; vegeta dalla pianura fino a 1300 m di altezza.
Descrizione botanica:       
Arbusto alto da 1 a 4(6) m, eretto, con radici affastellate e chioma solitamente non molto densa; rami fragili, rossicci, eretti, a disposizione alterna inseriti ad angolo acuto;
corteccia che con facilità si distacca, di color grigiastro con sfumature rosse, specialmente se umida, provvista di numerose lenticelle biancastre allungate orizzontalmente;
legno tenero, color avorio-verdastro, con odore non gradevole di rapa al taglio fresco;gemme ad inserzione spiralata, non protette da squame, ma provviste di tomento chiaro.
Parti utilizzate:                  
Corteccia
Composizione e principi attivi:                
Corteccia
Glicosidi antrachinonici       Ramnotossina (Albuminoide che dopo essiccazione, perde la tossicità e si trasforma in antrachinone)
Glucofrangulina A e B
Ramnoxantina
Franguline A e B
Flavonoidi
Saponine
Triterpeni
Tannini
Alcaloidi ciclopeptidici (tracce)
Organotropismo:                
Sistema digerente
Fegato e vie biliari
Uso tradizionale:               
Lassativo
Attività terapeutica:          
Lassativa
Regolatrice dell'intestino e del fegato
Indicazioni cliniche:          
Stitichezza, stispi
Effetti collaterali:               
Diarrea, dissenteria, ipokaliemia, interazioni farmaceutiche, dipendenza, spasmi intestinali e disidratazione eccessiva
Controindicazioni:             4
Severamente sconsigliato durante la gravidanza e l'allattamento, non somministrare in età pediatrica ed in soggetti cardiopatici
Avvertenze:                         
Non prolungare la somministrazione oltre  gli 8-10 giorni.  
Si possono avere interazioni farmacologiche con antiaritmici chinidinici e digitalici; con i diuretici, come la furosemide; con la vincamina.
Note:                                     
La corteccia stessa e i frutti erano un tempo impiegati come tinture
Prodotti erboristici e fitoterapici:                      
Tintura madre, Estratto secco, Taglio tisana
Sede Legale: 00198 Roma - Via Cagliari, 11
Sede Operativa: 01036 Nepi (VT) - Viale W.A. Mozart, 25
PI 13704941007 - REA RM-1466766 - REA VT-169340
Midland Bio srl
Torna ai contenuti