Carlina acaulis L. - MidlandBio

Cookie Policy
Privacy Policy
Vai ai contenuti

Carlina acaulis L.

Piante officinali > B - Cin

Dininimi:                              
Carlina caulescens Lam., Carlina chamaleon Vill.
Nome comune:                    
Carlina bianca
Famiglia:                              
Asteraceae
Habitat:                                
Vegeta nei pascoli, negli ambienti rocciosi e nei prati secchi, predilige terreni silicei e calcarei, generalmente da 0÷2.100 m, raramente sino a 2.600 m
Descrizione botanica:       
Pianta erbacea perenne, con robusto rizoma verticale legnoso, fusto semplice, quasi nullo o caulescente, di colore brunastro.
Aspetto cespitoso e spinoso,  con grandi infiorescenze bianche, che vive al livello del suolo. Altezza 3÷40 cm.
È una specie protetta.
Parti utilizzate:                  
Radice
Tempo balsamico:             
Ottobre
Composizione e principi attivi:                 
Olio essenziale:
Ossido di carlina (antibiotico)
Carlinene
Inulina
Flavonoidi
TanninResine
Sali minerali:
K, Ca e Mg
Organotropismo:               
Fegato e vie biliari
Apparato urinario
Attività terapeutica:          
Stomachica
Cicatrizzante
Diuretica
Digestiva
Carminativa
Diaforetica
Depurativa
Antibiotica
Sudorifera
Febbrifuga
Effetti collaterali:               
A dosi elevate, può essere irritante per la mucosa intestinale e provocare vomito e diarrea.       
Avvertenze:                        
Oggi è un'erba poco usata poiché esistono rimedi più efficaci; pare inoltre che la pianta sia abbastanza tossica a causa del contenuto in furil-benzilacetilene
Prodotti erboristici e fitoterapici:                      
Taglio tisana  Tintura madre
Sede Legale: 00198 Roma - Via Cagliari, 11
Sede Operativa: 01036 Nepi (VT) - Viale W.A. Mozart, 25
PI 13704941007 - REA RM-1466766 - REA VT-169340
Midland Bio srl
Torna ai contenuti